Ammissione

Questa frase l’ho ritagliata da un giornale. Poi ho spiegato ai bambini che meritava proprio di essere attaccata in classe perché è magnifica. Importante. Perfino più importante di quello che avrebbe finito per raccontare. Magari il fatto di essere così emozionante dipende dal fatto di essere una frase rara, che non si sente quasi mai. E questo i bambini lo sanno bene.

Fossimo capaci di dire Sono stato io vivremmo in un mondo diverso. Dal disastro di Ustica alla sparizione delle figurine dal banco di A, avere il coraggio di dire Sono stato io ci renderebbe gli abitanti di un mondo migliore.

Dico ai bambini che parlo anche per me. Che anche io tante volte faccio fatica. Ma che dobbiamo provarci. Che forse, se ci sforziamo tutti insieme, poi alla fine magari ci riusciamo e quel coraggio lo troviamo. Che riusciremo a smettere di nasconderci, di guardare la colpa negli altri, di semplificare, di sorvolare sulle nostre responsabilità, di cercare giustificazioni, di puntare il dito sempre su qualcosa che è lontano da noi.

Informazioni su RP McMurphy

Chito e RP McMurphy vivono a Roma, ma qualcuno giura di averli visti più volte dalle parti di Maracaibo. Hanno un amore dichiarato verso tutti i sud del mondo e un’istintiva simpatia per chi vive ai margini.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...