Aforisma

Le favole non raccontano ai bambini che i draghi esistono. I bambini sanno già che i draghi esistono. Le favole raccontano ai bambini che i draghi possono essere uccisi.  (Gilbert Keith Chesterton)

Pubblicato in frutta mista | Contrassegnato , , | 4 commenti

Calendario degli eroi: 29 agosto – Anatolij Korol

Sei arrivato in un paese che considera l’immigrazione una minaccia. Sei generalmente discriminato e guardato con pregiudizio. Vivi a fatica in un sistema che ti lascia solo davanti alla necessità di sbarcare il lunario. Hai una figlia di 2 anni. Finisci per essere sfruttato da chi ricava una rendita dalla disperazione. Ti trovi in un supermercato mentre è in corso una rapina. Avresti tutto il diritto di farti gli affari tuoi. Continua a leggere

Pubblicato in calendario degli eroi | Contrassegnato , | Lascia un commento

Allora forse ha ragione Lin Yutang. Un buon viaggiatore è colui che non sa dove sta andando, un perfetto viaggiatore è colui che non sa da dove viene

Ci viene facile parlare di viaggi ogni volta che viene l’estate. Lo faccio anche io. L’estate, del resto, è stato sempre il periodo delle partenze. Oggi come ieri. Così sembra quasi che per sentire il sapore del viaggio si debba avere la consapevolezza di un ritorno. Ma se viaggiare è vivere una diversa disponibilità alla percezione, forse quella predisposizione bisognerebbe averla sempre. Dovremmo coltivare stupori anche nella strada davanti casa. Continua a leggere

Pubblicato in frutta mista | Contrassegnato , , | 9 commenti

Rido (aggiornamento sulla storia di un processo)

Mi fate ridere. Ci avete messo un sacco di tempo a condannarmi anche in appello. Avete ritardato la sentenza rimandandola continuamente, fino a far passare gli anni con la tranquillità di chi sfoglia le pagine del tempo, poco interessato al libro che ha tra le mani, e lo scorre con noia e indifferenza. Avete scelto di lasciare che l’ortica cresca fino a riempire la scuola. Avete punito il diritto di dissentire. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , | 7 commenti

Calendario degli eroi: 17 luglio – Alberto López Bello

Oxaca (Messico).  Alberto López Bello, el camacho, come lo chiamano i colleghi, è giornalista di cronaca nera per il quotidiano El Imparcial e il programma radiofonico Foro Politico. Tre giornalisti dello stesso quotidiano sono già stati assassinati per aver messo il proprio lavoro al servizio della verità. Non lo fermano le minacce ricevute. Ha 28 anni. Viene trovato il 17 luglio 2013 insieme al corpo di Arturo Alejandro Franco, informatore della polizia. Continua a leggere

Pubblicato in calendario degli eroi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Avvertenze

Intorno a 50 anni fa salivi sull’autobus e leggevi l’avviso che all’interno delle vetture era proibito sputare. Oggi quell’avvertimento non c’è più. Però adesso a Roma ce n’è uno messo lì a ribadire che è vietato picchiare gli autisti. Si può chiamare civile una società che ha bisogno di questi ammonimenti?

Pubblicato in frutta mista | Contrassegnato , | Lascia un commento

Pensiero alle porte della mia cinquantaduesima estate

Mettiamola così. Se io sapessi una cosa e ci fosse qualcuno che quella cosa non facesse altro che ribadirmela ogni volta che apre bocca, io quel qualcuno alla fine cercherei di evitarlo come la peste. Figurarsi se poi quella cosa non fosse neanche tanto difficile da capire e lui invece continuasse a spiegarmela con l’insistenza che avevano gli spaccatori di pietre nelle cave di granito. Continua a leggere

Pubblicato in diario | Contrassegnato , , | 7 commenti

Sono stato una zebra per mezz’ora. Mi è bastato

Per la prima volta ho giocato online con mia figlia. Aveva un antipatico sondino naso gastrico fino allo stomaco, così ho pensato che cercare di distrarla fosse una buona soluzione. E l’ho fatto. Arrivati a casa ho scaricato l’app, mi sono registrato e sono entrato nel gioco. In barba alle nostre regole. Le regole dicono che si può accendere il tablet solo prima di cena. Non stanno mica lì a sottilizzare. Continua a leggere

Pubblicato in diario | Contrassegnato , , | 4 commenti

Grazie S, stavo un po’ in pensiero

Mancano cinque giorni alla fine della scuola. Le porte della prima elementare stanno per chiudersi. È stato un anno ricco e impegnativo, come sanno esserlo solo le ripartenze. I bambini chiedono la mia attenzione. S ha preso una figurina dal banco di un compagno accartocciandogliela senza un apparente motivo. La reazione del maestro però non è quella che la classe si aspetta. Questa volta no. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , | 9 commenti

Dove stiamo andando?

Al Consiglio di Istituto viene proposto di realizzare delle pietre d’inciampo da mettere nel cortile della scuola. L’idea è di scriverci sopra i nomi di alcuni di quei tanti bambini spariti nel mare nel disperato tentativo di raggiungere una terra e una vita più giusta. La Dirigente risponde di no. Invita alla prudenza. Dice che non sono tempi questi per mettersi a fare ricami di buone intenzioni intorno al tema dell’immigrazione. Continua a leggere

Pubblicato in scuola | Contrassegnato , , , | 4 commenti