Gomme da cancellare

Io, la gomma da cancellare, se potessi, la toglierei da tutti gli astucci dei bambini. Se ne potrebbe fare a meno e si vivrebbe bene lo stesso, anzi. Anche meglio. Hai sbagliato a scrivere qualcosa? Ci fai sopra una riga e vai avanti. Ti sembra di aver fatto un errore mentre disegni? Guarda quell’errore. Può darsi che ne esca qualcosa di inatteso e se proprio non ti piace correggilo usando le matite.

Invece no. Nelle classi è tutto uno scrivere e un cancellare. E le gomme non bastano. Ci sono anche i bianchetti in tutte le loro varianti, che regalano macchie e strisciate di bianco come a restituire magicamente quel candore che l’errore avrebbe colpevolmente compromesso.

Ma una parola sbagliata o un calcolo fatto male sul quaderno di un bambino non sono incidenti disdicevoli. Non sono qualcosa di cui vergognarsi e far sparire il prima possibile. Tutto il contrario. L’errore potrebbe essere perfino utile. Perché può far conoscere al maestro la fragilità del proprio messaggio, la fallibilità del proprio lavoro. Può aiutarlo a capire dove il bambino ha bisogno di una spiegazione in più.

Si viene a scuola per sbagliare. Questo ai bambini bisogna dirglielo. E tranquillizzarli. Liberarli da quella brutta malattia che è la ricerca di una perfezione senza mai errori. Chiunque può sbagliare. Anche questo bisogna che i bambini lo sappiano. Crescere, farsi adulti, non significa diventare infallibili.

Una volta, esasperato da una bambina che impiegava quasi tutto il suo tempo a cancellare, ho preso la sua gomma e me la sono mangiata. Ma non era tanto la gomma che volessi mangiare, quanto l’insoddisfazione che quella bambina provava fino al punto di credere che una palude di errori la stava inghiottendo. Sugli errori invece dobbiamo camminarci sopra. Perché è sempre dagli errori che si riparte.

Informazioni su RP McMurphy

Chito e RP McMurphy vivono a Roma, ma qualcuno giura di averli visti più volte dalle parti di Maracaibo. Hanno un amore dichiarato verso tutti i sud del mondo e un’istintiva simpatia per chi vive ai margini.
Questa voce è stata pubblicata in scuola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...