Calendario degli eroi: 28 aprile – Regina Martínez Pérez

Regina Martínez Pérez è corrispondente  del settimanale Proceso, scrive di diritti umani negati e indaga sui legami tra i gruppi criminali e le istituzioni governative. Non ha paura di fare nomi. I suoi ultimi  articoli tirano in ballo due esponenti politici del Partido Revolucionario Institucional, candidati alla Camera dei deputati, e nove ufficiali della polizia. Viene uccisa a Xalapa, nello stato di Veracruz, il 28 aprile 2012.

Pubblicato in calendario degli eroi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Calendario degli eroi: 24 aprile – Daniel Alejandro Martínez Bazaldúa

Daniel Alejandro Martínez Bazaldúa ha l’entusiasmo, il coraggio e la sfrontatezza di credere che tutto sia possibile, anche se vivi in Messico e il tuo il lavoro di reporter per il periodico Vanguardia e l’impegno civile sono una scommessa che non puoi vincere. A 22 anni non si scende facilmente a patti con i propri ideali. Il 24 aprile 2013 viene assassinato e trovato mutilato a Saltillo, nello stato di Coahuila.

Pubblicato in calendario degli eroi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Compiti a casa

Incontro la mamma di E, che quest’anno è alla scuola media. Mi dice che a scuola va tutto bene. Aggiunge che il figlio non ha sofferto per niente il peso dei compiti che fanno delle medie lo spauracchio di tutte le famiglie. Dice che qualche paura ce l’aveva anche lei. Lo so. La storia che i miei bambini siano impreparati a sostenere pesanti carichi di lavoro è una storia nota. E bugiarda. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , , | 1 commento

I problemi aperti

Non è scritto da nessuna parte che per risolvere un problema di matematica tutti debbano seguire lo stesso percorso. È una cosa che si sa. Ma io aggiungerei un altro assunto. Non è scritto da nessuna parte che per risolvere un problema assegnato dal maestro alla fine si debba arrivare tutti al medesimo risultato. I bambini possono anche giungere a numeri diversi e aver risolto comunque il problema. Continua a leggere

Pubblicato in scuola | Contrassegnato , , , , | 4 commenti

Calendario degli eroi: 25 marzo – Rodolfo Walsh

Buenos Aires, 25 marzo 1977. Un giorno dopo aver scritto e inviato a tutti i giornali Lettera aperta alla Giunta Militare, documento nel quale Rodolfo Walsh denuncia le atrocità della dittatura, l’autore viene intercettato e ucciso dagli uomini dell’ESMA, il famigerato centro di tortura e sterminio operativo dopo il colpo di Stato. Termina così la vita coraggiosa di uno scrittore indomito, costretto alla clandestinità dopo l’uccisione della figlia ventiseienne, Vicki.

Pubblicato in calendario degli eroi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Space invaders

Stare dalla parte dei bambini significa andare dritto per una strada senza curarsi dei graffi che per quella strada ti fai. Se provi a difendere il loro diritto di crescere nel modo migliore possibile, può capitarti di camminare passando sotto cespugli di more con le spine. Richiami della Dirigente, sanzioni, riprovazione dei colleghi, solitudini immeritate, cose così. Ma tutto è ripagato dagli occhi che brillano ogni volta che riesci ad accenderli. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Poetica del distrattore

I bambini non sapevano cosa fosse un tranello. Allora sono salito in piedi sul banco accanto alla porta della nostra classe chiedendo di immaginare che il giaccone che tenevo in mano fosse una rete. Poi ho chiesto a M di chiamare S, che era in corridoio, con la scusa di dargli qualcosa. Appena S ha varcato la soglia gli sono piombato addosso, catturandolo. Ecco cos’è un tranello, ho detto. Un trabocchetto, una trappola. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , , , | 7 commenti

Educare alla noia

Non mi era mai capitato di vedere a teatro un attore fermare il suo spettacolo per riprendere i bambini in sala e richiamarli alla correttezza. Allora ho pensato che il problema non fosse tanto il fatto che il suo monologo, pur ricco di suggestioni poetiche, risultasse un po’ noioso per un bambino di sei anni. Pensare questo sarebbe stato un errore di prospettiva. La verità era un’altra. Continua a leggere

Pubblicato in scuola | Contrassegnato , , | 5 commenti

La storia infinita

Ci risiamo. Altro rinvio. Il terzo. Ora il giudizio sul maestro ribelle è spostato al quattro giugno. Il Miur, già giudicato contumace, si è svegliato presentando una memoria difensiva un giorno prima della sentenza prevista il 29 gennaio. Una memoria piena di bugie che fa la voce grossa e che facilmente mi condurrà al pagamento delle spese processuali. Tanto il Miur vince sempre, che si presenti o no. È comunque così. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , , | 4 commenti

Ammissione

Questa frase l’ho ritagliata da un giornale. Poi ho spiegato ai bambini che meritava proprio di essere attaccata in classe perché è magnifica. Importante. Perfino più importante di quello che avrebbe finito per raccontare. Magari il fatto di essere così emozionante dipende dal fatto di essere una frase rara, che non si sente quasi mai. E questo i bambini lo sanno bene. Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , | Lascia un commento