Sono morto per la seconda volta

zio-zieglerDi incidenti ne ho avuti. E in un paio di casi sono stato anche miracolato. Ma qui si parla di scuola. E a scuola sono morto già due volte. Prova di evacuazione. La pratica è entrata in voga dopo la tragedia di San Giuliano. Si suppone un crollo, un incendio, una qualche calamità, e si abituano i bambini all’idea di raggiungere ordinatamente un punto di sicurezza.

Intendiamoci. La prova di evacuazione è una cosa seria. Ma siamo in Italia. Ci sensibilizziamo solo dopo una sciagura. E dura giusto il tempo di un momento. Poi abbiamo la spiccata propensione a buttare tutto in farsa. Quello che ci interessa è essere a posto con gli obblighi di legge. Aver svolto il compitino e riempito i moduli di rito. Magari taroccati.

Così il maestro due anni fa non è mai uscito dalla scuola in fiamme. Con lui c’erano Tommaso, Annachiara, Marcello, Angelo, Giovanni, Roseanne, Viola, Simone, Daniele, Mattia, Giorgia, Chiara, Nicola, Leonardo, Pietro, Lavinia, Gaelle, Alessio, Rebecca, Beatrice e Lorenzo. Manca una classe intera al punto di raccolta, ma nessuno se ne accorge. Siamo in palestra. Lì non si sente il segnale di allarme per l’evacuazione. La scuola ha assolto il proprio dovere, riempito i fogli e consegnato tutto all’architetto che sovraintende a queste formalità. Prova superata. Noi siamo tutti morti.

Due giorni fa sono morto di nuovo. La classe è diversa ma la sorte è la stessa. È sempre il maestro dai capelli lunghi a rimanere sotto le macerie. Porterà un po’ sfiga? Con lui questa volta ci sono Giulio, Meryem, Andrea, Clarissa, Giulia, Chiara, Sacha, Khenane, Adriano, Gabriele, Ginevra, Giorgia, MariaSofia, Caterina, Alberto, Mia, Edoardo, Margherita, Sara, Federico e Ludovica. Questa volta siamo a mensa. Anche qui non si sente il segnale di pericolo.

La segnalazione acustica (se nessuno interviene a sistemarla) non va. Speriamo nell’olfatto. La puzza di bruciato già si sente.  

p.s.
Il murale di copertina è di Zio Ziegler.

 

Informazioni su RP McMurphy

Chito e RP McMurphy vivono a Roma, ma qualcuno giura di averli visti più volte dalle parti di Maracaibo. Hanno un amore dichiarato verso tutti i sud del mondo e un’istintiva simpatia per chi vive ai margini.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Sono morto per la seconda volta

  1. nonnalaura ha detto:

    Che tristezza, la solita farsa italica! C’è proprio da stare tranquilli per i nostri bambini…
    Ma noi la fiducia l’abbiamo nel tuo potere e carisma, in caso di necessità saprai guidare la classe con fermezza e serenità 😉 , ho buone ragioni per crederlo!
    Ma, oltre ad avere gli impianti di allarme inservibili, almeno si sono accorti che eravate sotto le macerie?
    E mi chiedo ancora: ma la preside, o la dirigente come si chiama ora, di cosa si occupa a scuola?
    (non sono un bell’esempio di scrittura, con tutti i Che e i Ma e gli E a inizio periodo, però mi andava così oggi. Basta che Giulio non lo sappia!).
    Buone vacanze e buone riflessioni

  2. Daniel Saintcall ha detto:

    Le prove anti incendio servono però come dici tu se nessuno sente l’ allarme e totalmente inutile . Speriamo che qualcuno venga a sistemare seno siamo morti . In una qualunque scuola o in un posto se non si sente l’ allarme allora siamo solo cadaveri sotto delle macerie o sotto un incendio

  3. redskyma ha detto:

    Wow! Scatta sbranamento di fine anno al vertice!

  4. lezapp ha detto:

    fufù
    🙄 …non c’è due senza tre.
    Di questo passo, entrerai anche tu nel “calendario degli eroi”
    A sunday hug 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...